Via Fazio 3019121 - La Spezia
P.Iva. 00962520110

+39 0187 5331protocollo.generale@pec.asl5.liguria.it

Erogazione protesi dentarie a favore di anziani

La Regione Liguria (DGR 1551 del 07/12/2005) ha approvato un progetto volto all'erogazione di protesi dentarie a favore di anziani ultrasessantacinquenni con reddito ISEE del nucleo familiare non superiore a euro 18.000.
Per gli utenti il cui reddito ISEE è inferiore ad euro 8.300 è prevista l'erogazione gratuita della prestazione a totale carico dell'ASL, per un massimo di euro 2.500.
Per gli utenti con redditi ISEE compresi tra euro 8.300 ed euro 18.000 è prevista una forma agevolata di microcredito per persone, che consiste nell'accollo dell'onere economico da parte dell'ASL, mediante corresponsione diretta all'istituto di credito erogante, degli interessi bancari derivanti da un finanziamento erogato dall'istituto di credito convenzionato a favore del cittadino beneficiario della prestazione odontoiatrica. L'utente dovrà restituire la somma erogata con rate periodiche di durata prevista in 12, 24 oppure 36 mesi. E' previsto, inoltre un Fondo di Garanzia a favore dei medesimi istituti di credito per eventuali casi di inadempienza dei beneficiari dei suddetti finanziamenti.

I moduli di domanda per l'accesso all'erogazione delle protesi dentarie sono disponibili presso le sedi dei Distretti Socio Sanitari, presso la Segreteria della S.C. Strutture Degenziali non ospedaliere a gestione diretta, V.le Alpi 43 La Spezia (presso la quale si possono avere tutte le informazioni relative al progetto ed aiuto nella compilazione dei moduli), oppure scaricabili qui:

La domanda, sottoscritta dall'interessato, deve pervenire tramite l'Ufficio Protocollo ASL, e deve essere correlata dai seguenti documenti:

  1. Autocertificazione attestante la residenza dell'utente;
  2. Dichiarazione ISEE inerente al reddito posseduto dal nucleo familiare di appartenenza, riferito al periodo d'imposta precedente a quello di presentazione della domanda;
  3. Copia del documento d'identità non scaduto;
  4. Originale del preventivo delle prestazioni odontoiatriche rilasciato dal medico dentista;
  5. Indirizzo e recapito telefonico.

Le domande pervenute, dopo la verifica dei documenti allegati, vengono inserite in graduatoria secondo la data di ricevimento del Protocollo Generale dell'ASL, con chiusura di verbale al 31/03, 30/06, 30/09, 31/12 di ogni anno. Con cadenza trimestrale, si riunisce una commissione composta dai Direttori dei 3 Distretti Socio Sanitari, dal Direttore della S.C. Strutture Degenziali non ospedaliere a Gestione diretta, dal Primario della S.C. Odontostomatologia, da un Rappresentante della S.C. Gestione risorse economiche e finanziarie, da un Rappresentante di ciascuna delle tre Conferenze d'Ambito e da un Amministrativo della S.C. Strutture Degenziali non ospedaliere a Gestione diretta quale Segretario. Tale commissione verifica la congruià delle domande e stabilisce le modalità di accesso al finanziamento.
Successivamente viene data comunicazione scritta, specificando il termine entro il quale deve essere presentata ulteriore documentazione pena esclusione dal progetto, a tutti coloro che hanno presentato la domanda con le seguenti modalità:

  • Chi è ammesso all'erogazione gratuita dovrà presentare una fattura proforma del lavoro eseguito, pari ad un importo massimo di euro 2.500, alla Segreteria della S.C. Strutture Degenziali non ospedaliere a gestione diretta che, dopo i debiti controlli, presenterà le stesse all'Ufficio Ragioneria per la liquidazione; a lavoro terminato lo studio dentistico dovrà rilasciare regolare fattura fiscale a comprova dell'avvenuto lavoro;
  • Chi è ammesso al finanziamento dovrà presentare la documentazione delle operazioni bancarie relative allo stesso, sempre per un importo massimo di euro 2.500, sempre alla Segreteria della S.C. Strutture Degenziali non ospedaliere a Gestione diretta, e in seguito la fatturazione dell'intervento eseguito;
  • Chi ha presentato domanda valida, ma non rientra nel tetto di spesa prevista, rimarrà in graduatoria nel caso di rifinanziamento del progetto;
  • Chi ha presentato domanda incompleta od incongrua per la fascia di reddito, dovrà presentare la documentazione mancante o riformulare la domanda;
  • A chi non rientra per fascia di reddito o per età verranno spiegate le motivazioni per la non accettazione della domanda.