Via Fazio 3019121 - La Spezia
P.Iva. 00962520110

+39 0187 5331protocollo.generale@pec.asl5.liguria.it

Attivita'

STRUTTURA E CONTENUTI DEL CORSO

IL CARICO DIDATTICO (piano degli studi)


Il Carico Didattico consiste nella definizione degli esami che si intendono sostenere nel corso dell’anno accademico e deve essere presentato all’inizio di ogni anno accademico.

 

I CORSI INTEGRATI


Il Corso integrato è caratterizzato da un insieme di obiettivi di apprendimento, su aspetti specifici delle conoscenze da acquisire nel triennio. Ogni Corso integrato è costituito da più insegnamenti, che concorrono al raggiungimento degli obiettivi del costituito da più insegnamenti, che concorrono al raggiungimento degli obiettivi del Corso stesso, ognuno con un proprio docente.
Uno di questi docenti è il Responsabile del Corso integrato, che presiede all’organizzazione delle attività correlate al corso.

 

OBBLIGO DI FREQUENZA

La frequenza al corso è obbligatoria.
Lo studente è tenuto a frequentare i corsi teorici per almeno il 75% del monte ore di ciascun Corso integrato. La frequenza viene verificata dai Docenti adottando le modalità di accertamento stabilite dal Consiglio del Corso di Laurea.
L’attestazione di frequenza alle attività didattiche obbligatorie di un Corso Integrato di insegnamento è necessaria allo Studente per sostenere il relativo esame. L’attestazione di frequenza viene apposta sul libretto universitario degli esami dal Responsabile del Corso integrato.

 

ESAMI RELATIVI AI CORSI INTEGRATI

Ammissione agli esami

Lo studente può sostenere tutti gli esami dell'anno di Corso cui è iscritto e degli anni precedenti purché risulti iscritto all'Anno Accademico in corso, sia in regola con il versamento delle tasse e dei contributi richiesti, abbia ottenuto dai docenti l’attestazione di frequenza agli insegnamenti teorici.

Sbarramenti – propedeuticità

Lo studente deve rispettare, al fine di poter sostenere gli esami dei C.I. previsti dall’ordinamento didattico, l’elenco delle propedeuticità.

Attività a scelta dello studente

Le attività a scelta dello studente costituiscono parte integrante del suo curriculum e sono finalizzate all’apprendimento di specifiche conoscenze ed aspetti formativi che ottimizzano la preparazione e la formazione del laureato in TRMIR. Esse costituiscono un ampliamento o approfondimento degli argomenti trattati dal docente o sperimentate in tirocinio e rappresentano un allargamento culturale finalizzato alla personalizzazione del curriculum di ciascun Studente.
Le attività proposte possono consistere in corsi monografici, partecipazione a congressi, seminari, giornate di studio, esperienze di tirocinio, anche in ambiti non previsti normalmente per l’effettuazione degli stage.
L’acquisizione dei CFU è subordinata alla certificazione della partecipazione all’attività  scelta effettuata da parte del Presidente o dal Coordinatore del Corso di Laurea

 

ATTIVITÀ DIDATTICA PRATICA (tirocinio)

Obbligo di frequenza
Sono previste esperienze di tirocinio durante tutto il triennio, in periodi alternati con le lezioni, presso strutture sanitarie, pubbliche e private accreditate. La frequenza è obbligatoria e le eventuali assenze devono essere recuperate entro l’anno accademico in corso secondo le modalità indicate dai responsabili del tirocinio.

Progettazione degli stage
Le principali aree in cui lo studente effettua il tirocinio nel triennio sono:
1° anno Radiodiagnostica
2° anno Radiodiagnostica, Senologia, TC, Radiologia vascolare ed interventistica,, 
3° anno RM, Medicina Nucleare e Radioterapia e Fisica Sanitaria

Organizzazione del tirocinio
La responsabilità della progettazione e dell’organizzazione del tirocinio è affidata al Coordinatore del corso che supervisiona anche l’adeguatezza delle strutture convenzionate.
Il Coordinatore si avvale della collaborazione di tutor tecnici e TSRM esperti che si occupano dell’apprendimento degli studenti nelle sedi di tirocinio, facilitandone l’inserimento, assegnando con gradualità le attività e garantendo condizioni di sicurezza sia per lo studente che per l’utente.
Le Guide di Tirocinio delle singole sedi  provvedono alla certificazione della frequenza e della valutazione dell’apprendimento.

Esame annuale di tirocinio
Ogni anno si conclude con un esame di tirocinio, al termine delle attività di apprendimento tecnico. Il completamento del monte ore annuale di tirocinio, calcolato in CFU, è elemento indispensabile per poter espletare l’esame di tirocinio.

Le valutazioni dei singoli stage concorrono alla valutazione finale di anno. L’esame finale prevede una valutazione collegiale da parte di una commissione di esame stabilita dal regolamento didattico.

Sessione
La valutazione finale, formalizzata nell’esame annuale di tirocinio, viene effettuata alla fine di ogni anno esclusivamente nella sessione di settembre.

 

CONCLUSIONE DEL CORSO

Prova finale
Il Corso si conclude con una prova finale, che ha valore abilitante all’esercizio professionale. La prova finale consiste nella redazione di un elaborato (Tesi) e nella dimostrazione di abilità pratiche. Per essere ammessi a sostenere la prova finale lo studente deve aver acquisito tutti i 180 CFU previsti dal piano di studi.

La prova pratica
La prova pratica ha come obiettivo la verifica delle capacità dello studente di applicare le conoscenze acquisite durante il corso di studi. Si conclude non con un voto, ma con un giudizio di idoneità o non idoneità, ha valore abilitante alla professione.

La tesi
La Tesi di Laurea può essere compilativa, di discussione critica o sperimentale.
La scelta dell’argomento della tesi viene in genere effettuata a partire dal secondo anno di corso e deve essere inerente alla tematica professionale.Possono essere oggetto di tesi aspetti tecnici, etici, relazionali, educativi, preventivi,organizzativi.
Per la redazione della tesi, lo studente si avvale della supervisione di un Docente del Corso di Laurea in TRMIR, il relatore, che lo guida nel lavoro di preparazione e stesura. La tesi viene discussa dallo studente singolarmente davanti alla Commissione di Laurea.
Per l’esposizione lo studente può scegliere di avvalersi di supporti informatici.
Per la preparazione della prova finale lo studente ha a disposizione 8 CFU nel terzo anno.

Sessioni della Prova finale
La prova pratica e la discussione della tesi devono avvenire nella medesima sessione. Sono previste due sessioni per ogni anno accademico, generalmente programmate nei mesi di ottobre/novembre la prima, e nei mesi di marzo/aprile la seconda.